Insufficienza venosa, ecco come affrontare il primo caldo

Farmacia Modiano

Si parla di insufficienza venosa per indicare una specifica sindrome provocato dal rallentamento del ritorno del flusso sanguigno venoso al cuore.
Ne deriva in tal modo un ristagno sanguigno che provoca un aumento della pressione nei vasi capillari, con conseguente insorgere di gonfiori, edemi, e una minore ossigenazione alle gambe.

Ecco di seguito alcuni consigli utili su come è possibile affrontale tale situazione con l'arrivo dell'estate.

Insufficienza venosa: Rimedi naturali

Intervenire in maniera naturale permette di riuscire a ridurre tale problematica alleviandone i sintomi che a causa del caldo tendono ad aumentare.
Camminare, seguire un regime alimentare sano ed equilibrato, evitare bevande zuccherate e gassate sono di sicuro un buon inizio.

Vediamo più nel dettaglio cosa è consigliato fare:

1. Per contrastare al meglio la sindrome dell'insufficienza venosa in estate, è bene diminuire la quantità di sale come ad esempio panini, insaccati, snack.
Preferendo come una valida alternativa al sale, erbe aromatiche e spezie.

2. Ortaggi di colore rosso e blu-viola, insieme alla frutta sono delle ricche fonti di bioflavonodi: ovvero delle fitomolecole che come dimostrato da appositi studi fisici si sono rivelati utili nella riduzione della fragilità capillare e gonfiore a caviglie e gambe.

3. Consumare quotidianamente due porzioni di verdura cruda e tre di frutta.
Questo perché i sali minerali come magnesio, potassio e sale che si trovano nella verdura e nella frutta riescono ad essere un ottimo aiuto per contrastare la sindrome venosa.
Meglio preferire frutta con effetto depurativo e diuretico come anguria, pesca e melone, magari frullata in acqua fresca per aumentare in tal modo anche la quantità di liquidi assunti durante il giorno.


Bagni rinfrescanti e attività fisica

Stare attenti all'alimentazione non è l'unico modo che consente di alleviare i fastidi legati all'insufficienza venosa.
Infatti oltre a stare attenti a cosa bere e mangiare, è utile impegnarsi a svolgere in modo costante e corretto, senza troppo eccessi, un sano esercizio fisico, un ulteriore soluzione del tutto naturale ed efficacie contro l'insufficienza venosa.

I soggetti affetti dalla questa particolare sindrome devono considerare di dedicare almeno mezz'oretta al giorno a fare lunghe passeggiate oppure altre attività come nuoto, corsa leggera e bicicletta.

È bene precisare che è meglio non svolgere le attività all'aperto durante le ore più calde della giornate ma preferire le prime ore del mattino o le ore più fresche della sera.

Nei casi in cui, invece, a causa di un lavoro sedentario in cui non si trascorrere molte ore seduti non è possibile dedicarsi in maniera regolare all'esercizio fisico è possibile intervenire in altri modi.
Ad esempio risulta essere molto utile e funzionale alzarsi con intervalli di mezz'ora circa e fare qualche passo, oltre a muovere i piedi e fare dei movimenti ruotanti con le caviglie, evitando di assumere una posizione da seduti con le gambe accavallate.

Infine, la sera è consigliabile optare per delle efficaci docciature fredde a gambe e piedi e applicare una volta che si sono asciugati per bene una crema con effetto rinfrescante.

Conclusioni

Seguire nel migliore dei modi questi piccoli accorgimenti vi sarà certamente di aiuto per migliorare l'aspetto estetico di gambe e caviglie e il relativo fastidio che caratterizzano la sindrome dell'insufficienza venosa.